La recensione del Huawei P8, il nuovo top di gamma con i suoi punti di forza e le sue debolezze.

La Huawei in due anni ha lanciato sul mercato il Huawei P6 e il P7 e adesso il P8 che raccoglie la staffetta per continuare la corsa con un prodotto in grado di competere con i top di gamma della concorrenza, ma tenendo presente che uno dei punti di forza che ha sempre caratterizzato questo brand è quello di realizzare dispositivo ad un prezzo contenuto.

Per avere maggiori dettagli sulle specifiche hardware puoi consultare anche questo articolo sul Huawei P8

Recensione del Huawei P8: Pregi e difetti del nuovo top di gamma

Lo smartphone Huawei P8 ha una scocca in metallo con uno spessore di soli 6,4 mm rendendolo più sottile di un Iphone 6 e di un Samsung S6.

Fra le varie funzionalità software che caratterizzano questo smartphone troviamo la sveglia Voice Up che permette con una frase preordinata di far dire al telefono la propria posizione tramite la voce. Il sistema funziona in questo modo: si decide quale frase impostare pronunciandola tre volte in modo che il software impari il tono della nostra voce. Una volta fatto questo basta pronunciare la frase preimpostata per svegliare il cellulare e alla richiesta di “Dove sei” il Huawei P8 risponde “Sono qui”.

Il sistema è in grado di recepire il comando anche se siamo dall’altra parte della stanza, ma abbiamo bisogno di un’ambiente con pochi rumori di fondo per riuscire a sentire lo smartphone.

Questa funzione purtroppo ha un difetto che alla lunga può portarci alla sua disabilitazione visto che spesso si attiva anche durante una normale conversazione senza che venga pronunciata la frase preimpostata. Si spera che tale problema venga risolto con qualche successivo aggiornamento software.

recensione huawei p8
Recensione Huawei P8: Light Painting:Prezzo 279,00 euro

 

Un’altra caratteristica che durante la conferenza stampa è stata sottolineata dal produttore è il touch screen che è in grado di gestire anche il tocco con le nocche attivando in questo modo funzioni diverse rispetto al normale uso con le dita.

Da segnalare che questa funzione risulta avere dei problemi nell’interpretare in modo corretto la differenza fra il tocco con le nocche e quello con le dita, e nonostante l’aggiornamento, che seppure ha ridotto la frequenza degli errori, non è stata ancora del tutto eliminata. Fortunatamente con l’aggiornamento adesso è comunque possibile disabilitare  il touch con le nocche tramite il menu delle impostazioni. Anche in questo caso si spera che il prossimo aggiornamento cancelli questo bug in modo definitivo.

La fotocamera

La Huawei ha dichiarato che Huawei P8 monta un camera posteriore da 13 MP con il migliore stabilizzatore ottico (IOS) disponibile per smartphone ed è la prima al mondo a montare su un dispositivo mobile il primo sensore d’immagini a 4 colori (RGWB) e relativo chip IPS (processore per il segnale digitale) dedicato.

Questo si traduce in una capacità della fotocamera di scattare fotografie con maggiori dettagli, con colori migliori e più brillanti, ma soprattutto avere una qualità delle immagini elevata anche in ambienti con poca luce.

Le foto che si ottengono sono in effetti di alta qualità e con un buon livello di dettaglio anche se i colori risultano meno brillanti rispetto al Samsung S6 che probabilmente monta tuttora la migliore fotocamera disponibile nel mondo del mobile.

I risultati ottenuti della fotocamera del Huawei P8 risultano buoni in tutte le condizioni di luce, ed anche se non riesce a raggiungere la qualità dei top di gamma della concorrenza, come il già citato smartphone Samsung S6 e Iphone 6, non risulta però troppo lontano da quest’ultimi, non dimenticando comunque il prezzo di listino che è decisamente più abbordabile.

Per quanto riguarda la funzione video bisogna segnalare che l’autofocus forse perde un po’ di reattività quando si registra in condizioni di scarsa luminosità, mentre la fotocamera anteriore da 8 MP consente di scattare dei buoni Selfie.

I video ottenuti risultano invece meno dettagliati, anche se privi di vibrazioni grazie al sistema IOS, manca invece la funzione High Frame Rate per ottenere l’effetto rallentatore.

Il design e qualità costruttiva 

La Huawei ha fatto un ulteriore salto in avanti sulla qualità costruttiva dello smartphone per far si che al tatto dia quella sensazione di avere in mano un dispositivo da top di gamma.

La scocca è, infatti in metallo spazzolato e riflettente con i bordi leggermente curvi offrendo una buona impugnatura dello smartphone.

Display audio e potenza di calcolo

Il display dello smartphone Huawei P8 è decisamente definito offrendo qualità cromatica, luminosità e  un ottimo angolo di visuale, mentre gli speaker riproducono una qualità sonora superiore alla media degli smartphone.

La potenza di calcolo è ottenuta tramite la CPU Octa Core Hisilicon Kirin 930 che non ha problemi nella gestione del sistema operativo e del multitasking, mentre dal punto di vista del scheda grafica è in grado di far funzionare giochi come Real Racing 3, anche se non con la stessa disinvoltura di un Samsung S6.

Il tallone di Achille del Huawei P8 è sulle performance grafiche per il 3D che nel benckmark non brilla rispetto ai top di gamma concorrenti, ben inteso che comunque offre una buona esperienza videoludica con una risoluzione a 1080p e con i dettagli al massimo.

La sua autonomia

La batteria da 2680 mAh per quanto riguarda si allinea alla concorrenza che con un uso normale arriva fino a fine giornata, mentre con un uso intenso bisogna mettere in conto di dover ricaricare lo smartphone durante la giornata.

Per ottimizzare l’uso della batteria la Huawei ha messo a disposizione un sistema di monitoraggio per segnalare le App attive in background che consumano di più in modo da poterle disattivare, oltre ad un sistema di risparmio energetico intelligente per regolare in automatico la potenza del processore in base alle prestazioni richieste.

Lo spazio disponibile sul Huawei P8

Per motivi facilmente comprensibili dovuti alla riduzione dei costi, la versione base di questo modello parte dai 16 GB di spazio di archiviazione di cui sono effettivi 10,5 GB, pertanto è da considerare al momento dell’acquisto anche una MicroSd per espandere lo spazio disponibile, l’alternativa è orientarsi alla versione del Huawei P8 da 64 GB con relativo aggravio di prezzo di acquisto.

Roaming e potenza del segnale

La Huawei ha dichiarato che vi sono due funzioni dove il Huawei P8 risulta superiore, la prima si chiama Signal+ ed è la capacità di mantenere una buona potenza del segnale anche quando ci si sposta velocemente, come ad esempio con un treno ad alta velocità, questo grazie ad una buona combinazione fra hardware e software; la seconda si chiama Roaming+ e consente di agganciare più velocemente la rete in roaming quando si arriva in un nuovo paese rispetto ai prodotti della concorrenza.

Conclusione

La Huawei ha fatto un notevole sforzo per realizzare uno smartphone di fascia alta in grado di concorrere con l’Iphone 6 e il Samsung Galaxy S6 cercando di migliorare questo dispositivo in tutti i settori rispetto alle versioni precedenti.

Lo smartphone Huawei P8 ha come punto di forza principale la fotocamera che offre prestazioni che sono quasi a livello dei top di gamma, un display in grado di riprodurre immagini con un’elevata qualità cromatica e con un ampio angolo di visuale.

Alcune funzioni come il Roaming+ e Signal+ lo rendono unico da questo punto di vista, anche se sono apprezzabili dove vi è un’adeguata infrastruttura della rete mobile in modo da poter sfruttare queste caratteristiche.

La batteria è in linea con gli altri top di gamma per quanto riguarda l’autonomia, mentre la sezione grafica per i giochi non risulta all’altezza rispetto ai concorrenti diretti, ma questo non impedisce di avere potenza di calcolo più che sufficiente per far funzionare videogames dalla grafica complessa senza problemi di fluidità.

Sicuramente da migliorare, e si spera che presto verrà fatto, alcune funzioni che risultano non ben ottimizzate e che hanno necessità di un aggiornamento. Il prezzo del cartellino di questo smartphone è di 296,00 euro, per avere un top di gamma le cui caratteristiche lo pongono solo un gradino più giù, ma poi neanche di tanto, rispetto alla concorrenza.

Lo smartphone Huawei P8 forse non ha raggiunto la cima del monte Olimpo, ma non è molto lontano dalla vetta. Forse il passo finale sarà fatto dal suo successore, il Huawei P9.

Lascia una tua opinione su questa recensione usando la sezione commenti che troverai a fine pagina.

Fonte

https://www.compraretech.it/wp-content/uploads/2015/05/huawei-p8-colors.jpghttps://www.compraretech.it/wp-content/uploads/2015/05/huawei-p8-colors-250x125.jpgCompraretech.itSmartphone HuaweiLa recensione del Huawei P8, il nuovo top di gamma con i suoi punti di forza e le sue debolezze. La Huawei in due anni ha lanciato sul mercato il Huawei P6 e il P7 e adesso il P8 che raccoglie la staffetta per continuare la corsa con un prodotto...